EDITORIALE NOVEMBRE 2010: Frammenti


Rispondi
    Rispondi citando

EDITORIALE NOVEMBRE 2010: Frammenti

francois007 » Dom Nov 07, 2010 4:02 pm

Ci sono momenti nella vita delle comunità in cui il cammino del progresso sembra così lento da veder cedere il passo a tecnologie obsolete e superate , commercializzate ancora per ammortizzare costi di ricerca e brevetti (vedi sviluppo USB 3.0 da parte di Microsoft). Ufficialmente Linux lo supporta dalla sua uscita, e precisamente dal 13 agosto 2008...

Ora lascerò il passo a disquisizioni di natura tecnica, tralasciando un bug presente all'interno del kernel Linux sulla tecnologia USB 2.0 (non mi sembra corretto con chi mi legge di voler nascondere la polvere sotto al tappeto), che ha visto a tutt'oggi un piccolo team di sviluppo lavorarci sopra, ma ancora con scarso risultato.

Le specifiche del 3.0 sono state sviluppate dalla Intel, è per questo che la comunità opensource ha avuto modo di carpirne i segreti e il supporto da parte di Intel non è mancato, opera di una stretta collaborazione e tralasciando ogni segreto industriale, ha permesso di fatto di avere alla data odierna una piena compatibilità a livello di moduli e di compilazione su qualsiasi piattaforma presente e futura.

Dall'altra parte della barricata chi si ostina a nascondere il proprio codice, chi non cede il passo alla condivisione, ancor oggi OBBLIGA i produttori di pc a voler continuare sulla strada della produzione di massa di schede madri con tecnologia hub 2.0... da loro caldeggiata e ben ripagata negli anni (i costi di ricerca e di sviluppo sono stati pienamente ammortizzati, ma non capisco il motivo che li spinge a voler lucrare con una tecnologia vecchia di 10 anni)...

Il mondo dell'informatica (vedi Apple) si sta lentamente allontanando da discorsi di latente obsoletismo, raggiungendo il giusto compromesso qualità-prezzo e offrendo tecnologia di gran livello a costi non sempre popolari (ma qui vi parlo di un mercato di nicchia)...

In casa Debian, dopo lo scostamento e l'allontanamento dalle risorse "dei meno competenti" da parte del patron di Ubuntu, il project leader Stefano Zacchiroli vuole traghettare la sua comunità verso il taglio netto con Canonical, perché nei fatti non risponde più ai dettami della comunità debian. Non sappiamo ancora come finirà, ma Ubuntu avrà serie difficoltà a livello di competitività venendo a mancare l'apporto e la follia innovativa dei migliori programmatori del pianeta.

Frammenti di un mondo che si evolve e che va oltre il progresso, un mondo che vive nel futuro il proprio presente... schegge impazzite che hanno tanto da donare in termini di competenza e conoscenza...

Frammenti di follia, che rendono l'hacking la quinta essenza della genialità.

_________________
Hosting, Server Managed & VPS

francois007
SuperMod
SuperMod
 
Messaggi: 856
Registrato: 01/03/07 00:29
Residenza: LINUX KERNEL
    Invia messaggio privato Profilo [ Nascosto ] HomePage MSN


Rispondi

EDITORIALE

Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi