Linux - Dalle origini a oggi


Rispondi
    Rispondi citando

Linux - Dalle origini a oggi

Rotten » Sab Feb 17, 2007 9:24 pm

Articolo preso da Wikipedia.

Linux è il nome del kernel originariamente sviluppato da Linus Torvalds. Il nome Linux a dispetto dell'assonanza tra il nome dell'ideatore e quello del sistema (Linus - Linux) è da attribuire a Ari Lemke, l'amministratore che rese per primo disponibile Linux su internet via FTP. In particolare Linux era il nome della directory in cui risiedevano i file del nuovo sistema operativo. il nome scelto da Torvalds era Freax, una combinazione tra “free”, “freak” e “x”, per indicare la caratteristica di un sistema Unix-like.

Con il termine "Linux" spesso si indica erroneamente il sistema operativo libero basato sul kernel Linux e sul sistema GNU, che secondo una parte della comunità informatica dovrebbe per questo chiamarsi "GNU/Linux" (cfr. Controversia sul nome GNU/Linux).


Storia di Linux

Inizi
Linux vede la luce nel 1991 grazie al giovane studente Linus Torvalds, mentre il progetto GNU nasce nel 1984 per mano di Richard Stallman. Torvalds, appassionato di programmazione, era insoddisfatto del sistema operativo Minix (sistema operativo unix-like destinato alla didattica, scritto da Andrew Tanenbaum, professore ordinario di Sistemi di Rete all'università di Amsterdam), e decise perciò di creare un kernel con lo scopo di divertirsi e studiare il funzionamento del suo nuovo computer (un 80386), adottando il sistema di licenza GNU .

Poiché la licenza di Minix non permetteva la revisione del software se non per motivi puramente didattici, Linus Torvalds decise di creare il suo kernel partendo da zero. Per la sua creazione decise di usare la licenza GPL per permettere a chiunque di contribuire e di utilizzarlo in modo libero. Linux all'inizio era un semplice emulatore di terminale scritto in C e assembly. senza doversi appoggiare ad un sistema operativo. L'emulatore di terminale avviava e gestiva due thread, uno per mandare segnali alla porta seriale e uno per riceverli, quando poi Linus ebbe bisogno di leggere e scrivere file su disco, questo emulatore fu esteso in modo che potesse gestire un filesystem. Lentamente questo programma si trasformò in un intero kernel in grado di gestire un sistema operativo e Linus iniziò a documentarsi sulle specifiche POSIX, chiedendo assistenza sul newsgroup comp.os.minix nel famoso messaggio del 25 agosto 1991. La prima versione del kernel Linux, la 0.01, fu pubblicata su Internet il 17 settembre 1991 e la seconda nell'ottobre dello stesso anno.

Torvalds preferiva chiamare Freax il kernel a cui stava lavorando ma Ari Lemke, assistente alla Helsinki University of Technology che gli aveva offerto lo spazio FTP per il progetto (ftp.funet.fi) preferì assegnare alla subdirectory dedicata il nome alternativo di lavorazione Linux.[1]

Sin dalla versione 0.01 si poteva compilare e far partire la shell GNU Bash: si aveva un sistema operativo minimale da cui poter partire per ulteriori miglioramenti. All'inizio era richiesto un computer con Minix per configurare, compilare e installare Linux (fino alla versione 0.10, la 0.11 poteva essere compilata da linux stesso), perché usava il filesystem del sistema sul quale si appoggiava. Presto i sistemi Linux superarono Minix in termini di funzionalità, Torvalds e altri sviluppatori della prima ora di Linux adattarono il loro kernel perché funzionasse con i componenti GNU ed i programmi in user-space per creare un sistema operativo completo, pienamente funzionante e libero.

"Linux is obsolete"

Il 29 gennaio 1992 Andrew Tanenbaum, l'autore di minix, probabilmente irritato dal continuo interesse verso Linux sul newsgroup del suo sistema operativo scrive un messaggio dal titolo LINUX is obsolete. Nel post Tanenbaum critica l'architettura monolitica del kernel linux e la sua scarsa portabilità. Torvalds replica immediatamente alla provocazione ribattendo punto per punto a Tanenbaum, sminuendo inoltre minix e il suo autore dando vita ad una storica flame war ancora oggi reperibile su svariati siti web.[2]

Linux e la rete

Nella primavera del 1992 l'hacker Orest Zborowski riuscì a rendere eseguibile il server X sulla versione 0.13 di Linux. Per far ciò Orest dovette implementare tutta la struttura degli Unix Domain Socket indispensabili a X Window e quindi un primo livello socket sul quale venne poi costruita tutta l'infrastruttura di rete di Linux. In realtà il tutto era imbastito in maniera un po' caotica e non era ben integrato all'interno del kernel ma Linus accettò comunque la patch perché con essa era possibile sia utilizzare X, sia utilizzare tale infrastruttura per dotare Linux di uno stack di rete. Entusiasta della novità Linus rilasciò dopo la versione 0.13 la versione 0.95 senza pensare a tutti i problemi di sicurezza che la rete avrebbe comportato. Per rimediare alla leggerezza nei due anni che trascorsero dalla 0.95 alla 1.0 Linus dovette utilizzare sia un ulteriore numero per indicare il livello di patch sia le lettere dell'alfabeto (sino alla versione 0.99.15Z, 0.99 15° livello di patch, revisione Z).

La versione 1.0

Il 14 marzo 1994 il 16° livello di patch del kernel 0.99 divenne Linux 1.0. Fu lo stesso Linus Torvalds a presentare la prima versione stabile della sua creatura presso l'Università di Helsinki.

Oggi


Oggi, Torvalds continua a dirigere lo sviluppo dei kernel, mentre altre parti del sistema, come le componenti GNU, sono sviluppate separatamente. Il compito di fornire un sistema integrato, che combina tutte le componenti di base con le interfacce grafiche (come per esempio GNOME o KDE, che a loro volta si basano sulla presenza dell'X Window System) e con il software applicativo, viene ora svolto dalle distribuzioni. Nel 1996 fu scelto come logo ufficiale di Linux un pinguino disegnato da Larry Ewing e ad esso venne dato il nome di TUX come abbreviazione di Torvalds UniX. Altre fonti sostengono si tratti dell'abbreviazione di TUXedo che in inglese significa il nostro "giacca e cravatta" a causa della colorazione del corpo del pinguino. Oggi GNU/Linux resta il sistema operativo preferito da migliaia di programmatori sparsi in tutto il mondo, è usato soprattutto come server in ambienti di produzione ma ultimamente ha conosciuto anche la sua affermazione in ambiente desktop.

L'importanza di Linux

GNU/Linux è il prodotto di appassionati indipendenti creato per pura sfida intellettuale, senza vincoli commerciali. Questo ha generato due importanti conseguenze:

* in primo luogo il risultato ottenuto è la sorprendente collaborazione di migliaia di programmatori sparsi in tutto il Mondo, (per questo viene considerato come il più grosso progetto collaborativo della storia dell'uomo).
* il secondo aspetto è la "liberalizzazione" del prodotto: GNU/Linux è un software libero che permette agli utenti di avere a disposizione un sistema operativo completamente funzionante slegato dalle classiche leggi commerciali.

L'aspetto della libertà del programma mette al centro l'utente garantendogli la possibilità di visionare e modificare i codici sorgenti, la possibilità di usare il software per qualsiasi scopo, la possibilità di ridistribuirlo nel formato originario o da lui modificato. Il sistema GNU/Linux è da considerare trasparente e completamente configurabile, infatti a volte, Microsoft Windows, dietro una patina di apparente semplicità, nasconde il funzionamento logico del proprio computer e l'impossibilità di ottenere il risultato finale voluto. Questa filosofia permette lo scambio di informazioni tra gli utenti e i programmatori e ha come risultato un prodotto che risulta avere prestazioni migliori in alcuni ambiti rispetto agli attuali concorrenti commerciali. GNU/Linux è meno esposto degli altri sistemi operativi ai virus ed in genere ai malware informatici per vari motivi:

* l'infezione di una macchina di solito è limitata al singolo utente e quindi non compromette, di norma, l'intero sistema operativo.
* quando viene scoperto un problema in un prodotto di software libero si ha la patch (correzione) di solito nel giro di poche ore o giorni rendendo vane le possibilità di un virus di sfruttare tale falla.
* chi sviluppa software maligno, generalmente, desidera colpire il maggior numero di macchine possibile: data la diffusione di Windows assai maggiore rispetto a quella di sistemi operativi basati su Linux, tendenzialmente il malware in circolazione è progettato per infettare macchine Windows, quindi incompatibile con Linux (solo raramente i virus sono multipiattaforma).
* gli utenti di Linux sono meno numerosi, ma più preparati tecnicamente o conoscono per lo meno alcune delle basi di un sistema operativo, sono consapevoli di cosa stanno facendo e qual è il risultato che vogliono ottenere.

Oggigiorno, quasi tutto l'hardware è compatibile con GNU/Linux.

Esistono principalmente due soluzioni all'incompatibilità degli eseguibili di altri sistemi operativi: utilizzare soluzioni come Wine oppure aggirare il problema e utilizzare un applicativo simile sviluppato per Linux. In entrambi i casi possono esserci possibilità di successo e svantaggi che non possono essere valutati se non caso per caso.

Le distribuzioni di Linux

Non esiste un'unica versione di GNU/Linux, ma esistono diverse distribuzioni solitamente create da comunità di sviluppatori o società, che preparano e scelgono i pacchetti da includere. Tutte le distribuzioni condividono il kernel di Linux, mentre si differenziano tra loro per il cosiddetto "parco software", cioè i pacchetti preparati e/o selezionati dagli sviluppatori per la distribuzione stessa, per il sistema di gestione del software e per i servizi di assistenza/manutenzione offerti.

Esistono distribuzioni eseguibili direttamente da CD senza che sia richiesta l'installazione sul proprio hard disk, come Knoppix e derivate: sono chiamate distribuzioni "live" o "desktop CD".

Alcune tra le principali distribuzioni Linux sono (in ordine alfabetico):

* ALT linux
* Arch Linux
* CentOS
* Damn Small Linux
* Debian GNU/Linux
* Dreamlinux
* Dynebolic
* Fedora Core
* Foresight Linux
* Fox Desktop
* Gentoo Linux
* Knoppix
* Kororaa
* Mandriva Linux, fino al 2004 nota con il nome "Mandrake Linux"
* Mepis
* Puppy Linux
* Quantian
* RedHat
* Rxart
* Slackware (anche nella derivata Slax)
* Slamd 64
* So.Di.Linux
* SUSE Linux
* Ubuntu Linux (anche nelle varianti Xubuntu, Kubuntu, Edubuntu, Ubuntu Lite)
* DeLi Linux (ottima distribuzione per pc con 32Mb di Ram o meno)

Curiosità

Pronuncia

Molte persone non sono sicure sulla pronuncia della parola "linux". Ci possono essere diverse variazioni, ma viene normalmente pronunciato con una "i" corta e con la prima sillaba dura, come in LIH -nucks

Versioni Embedded

L'enorme diffusione di linux e la sua capacità di funzionare su pc a basse prestazioni hanno influenzato persino il mondo dell'elettronica. Al giorno d'oggi, infatti, è possibile reperire dei chip pilotati da un os linux minimale ma comunque in grado di semplificare di molto la realizzazione di apparati robotici. Un esempio di una distribuione linux usata per sistemi embedded è OpenWRT.

Separatori

Nel passaggio da un sistema Windows a uno Linux, risulta probabilmente evidente la differenza nei separatori delle directory. In Windows, infatti, si usa il carattere backslash ("\"); in Linux, come in tutti i sistemi simil-Unix (così come in altri sistemi operativi), si usa invece lo slash ("/"). Si noti che anche il separatore di percorso nelle URL dei vari protocolli di rete (come gli indirizzi internet) è costituito dallo slash; la motivazione è che le reti di computer e Internet sono nate su sistemi Unix.

_________________


Attorno al caffè - Blog libero su attualità

Rotten
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 295
Registrato: 16/02/07 18:07
Residenza: Tra lo 0 e 1
    Invia messaggio privato Profilo   MSN


Rispondi

Linux

Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi