Gestione e-mail con Linux

Voci dal forum Linux

Unix non solo è il padre di tutti i sistemi di smistamento della posta tanto che ancora poco tempo fa si diceva che qualunque messaggio inviato su Internet incontrava per strada, prima o poi un server basato su Unix, ma è anche per lunga tradizione una solida piattaforma per la gestione della posta dal lato client. Linux, poi, ha saputo stare al passo con i tempi e oggi si trovano sistemi di gestione di e-Mail in grado di soddisfare qualunque tipo di esigenza. Si parla di sistemi di gestione di e-Mail non a caso: l'utente smaliziato è con un minimo di confidenza con il sistema, difficilmente utilizzerà un client configurato semplicemente per ricevere posta da una casella Pop e inviarla tramite un server Smtp. Praticamente qualunque distribuzione appena installata prevede un vero e proprio server di posta perfettamente funzionante sia per l'invio sia per la ricezione di messaggi: nella stragrande maggioranza dei casi, se la macchina è connessa direttamente a Internet, basta effettuare un paio di operazioni sul Dns del proprio Isp e aggiungere utenti al sistema per avere un vero e proprio server di posta elettronica che non avrà nulla da invidiare a quelli presenti presso tanti piccoli Isp. Per gli utenti con una connessione dial-up le cose si complicano leggermente, ma bastano un paio di ritocchi alle configurazioni per ottenere lo stesso risultato. Avere un server interno di posta e utile in moltissime circostanze. Prima di tutto permette di lavorare in pieno accordo con la filosofia Unix che prevede tanti piccoli programmi estremamente specializzati invece di programmi monolitici e per questo più difficili da controllare; in secondo luogo lavorare con gli standard di posta dei sistemi Unix permette di usare non un unico client ma tutti quelli che si desiderano, in quanto ciascuno di essi si interfaccia in modo trasparente con il sistema di posta interno. Ultimo ma non meno importante: esistono oggi alcuni freenet che non prevedono la possibilità di usare un server Smtp: averne uno proprio significa potere inviare e-Mail senza passare dalle spesso scomode interfacce Web. Il sistema tipo dell'utente Ppp è formato da:

  • un server Smtp, detto anche Mta (Mail Transport Agent) che si occupa di smistare tutta la posta, in arrivo e in ricezione (Sendmail, Postfix, Qmail);
  • se si usano caselle presso provider esterni: un'e-Mail checker che si occupa di scaricare la posta presente presso le caselle Pop/Imap dei vari provider (fetch-mail a oggi è il software di riferimento in questo campo) e a inserirle nel sistema di posta interno;
  • un programma per la gestione della posta locale, detto anche Mda (Mail Delivery Agent), che provvede a smistare la posta arrivata, possibilmente in base a regole definite dall'utente, quali per esempio filtri che inseriscono direttamente i messaggi in determinate cartelle, o che prevedono meccanismi di risposta automatica (si può citare il classico procmail in questa categoria);
  • uno o piu client per la lettura e scrittura di messaggi, detti anche Mua (Mail User Agent).

Il primo passo per la configurazione di un sistema di posta è la scelta del server Smtp. Un buon punto di partenza può essere lo storico Sendmail (http://www.sendmail.org/), oggi arrivato alla versione 8.10: questo programma è parte integrante della storia di Internet e tra i suoi vantaggi si può annoverare l'imbattuta flessibilità e solidità di fronte alle situazioni più critiche. Grazie alla sua estrema configurabilità di fatto può gestire qualunque esigenza, dalla più semplice alla più complessa, e le risorse su Internet relative a Sendmail costituiscono un mare sconfinato, capace di fornire tutte le soluzioni necessarie. Per contro Sendmail si porta dietro una serie di difetti che ancora oggi sono difficili da risolvere: si tratta innanzitutto di un programma monolitico, spesso e volentieri estremamente pesante da gestire e relativamente lento rispetto alle alternative che si possono trovare su Internet. Inoltre Sendmail è intrinsecamente poco sicuro: sono usciti molti buchi di sicurezza relativi a questo sistema, e il tipo di architettura che si porta dietro fa prevedere che altri potranno seguire in futuro. Infine Sendmail è noto per la difficoltà nella configurazione: si dice che nessuno può dirsi un vero sistemista Unix se non ha dovuto avere a che fare con la scrittura di un file di configurazione di Sendmail almeno una volta, e che parimenti non esiste sistemista Unix che sia stato tanto pazzo da ripetere l'esperienza: la definizione e configurazione del file Sendmail.cf rappresenta quindi un enorme scoglio da superare per chi non ha una più che solida esperienza di amministrazione di sistema. Scegliere Sendmail oggi significa scegliere un prodotto estremamente stabile e potente, in grado di fare fronte a qualunque tipo di esigenza. Ma significa anche farsi carico di tutti i problemi che Sendmail porta con sé, per cui occorre prepararsi a leggere quintali di documentazione, a seguire almeno un paio di mailing list sulla sicurezza, e a curare giorno per giorno il sistema. D'altro canto, se di quello che si vuole e farsi una cultura sull'amministrazione di un sistema di posta, Sendmail rappresenta un passo obbligato, ed è un riferimento assoluto che non può mancare nel percorso formativo di un sistemista. Oggi esistono alternative tecnicamente valide a Sendmail, che mirano a risolvere le sue più grosse lacune relative alla pesantezza e alla sicurezza del sistema. Un primo passo è stato Qmail (http://www.qmail.org/), che però ha presentato alcuni gravi difetti: uno tra tutti il sistema di sviluppo, estremamente accentrato sull'autore (Dan Bernstein), persona sicuramente non facile e che non è stata in grado di costruire intorno a sé una comunità come richiesto dai principi dell'Open Source. Qmail inoltre presenta una scelta progettuale che ha un impatto notevole sui sistemi, in quanto non è compatibile con nessuno dei programmi di gestione della mail, dal momento che invece di usare il formato Mailbox utilizza il formato Maildir nella home degli utenti. Per questo e per altri motivi Qmail quindi sta cedendo gradualmente il passo a quello che sembra essere il server Smtp del futuro: Postfix. Postfix presenta innanzitutto un'enorme garanzia nella persona dell'autore. Wietse Venema è parte integrante della storia di Unix ed è autore di alcuni tra i software più usati su questa piattaforma (i Tcp wrapper, o tcpd). Le performance di questo sistema, in termini di velocità e di sicurezza, fanno impallidire tutti gli altri server, e la flessibilità offerta da Postfix non richiede, come Sendmail, il pagamento di un grande prezzo in termini di difficoltà di configurazione: è sufficiente nella stragrande maggioranza dei casi cambiare un paio di parametri di configurazione per avere un sistema funzionante. Postfix si può trovare precompilato praticamente per tutte le distribuzioni, oppure in formato sorgente direttamente da uno dei mirror di http://www.postfix.com/. Una volta effettuata l'installazione è sufficiente definire nel file /etc/postfix/main.cf quale deve essere l'indirizzo da usare nella posta in uscita e quale o quali devono essere gli indirizzi per i quali si vuole ricevere mail. In una contigurazione tipica per connessioni dialup, supponendo che all'atto della configurazione di rete si sia scelto come dominio "esempio.it" e che il proprio o i propri indirizzi di mail siano [email protected] si dovranno cambiare i parametri "myorigin" e "mydestination", per esempio inserendo:

myorigin = provider.it
mydestination = provider.it localhost localhost.esempio.it esempio.it

In questo modo Postfix saprà che la mail in uscita dovrà essere inviata come [email protected], e che dovranno essere accettate mail destinate a [email protected], [email protected], [email protected] e [email protected] In aggiunta a questi parametri un utente dialup tipico potrà volere aggiungere: 

relayhost = smtprelay.provider.it

se il provider fornisce un servizio di Smtp server. In questo modo tutta la mail in uscita verrà inviata al server del provider che provvederà a consegnarla a destinazione. Inoltre è sicuramente il caso di definire:

defer_transports = smtp

Questo permette di non cercare di inviare immediatamente la posta, ma di tenerla in coda fino a quando non viene richiesto esplicitamente di effettuare l'invio. E' sufficiente inserire il comando "sendmail - q" in un file come /etc/ppp/ip-up per fare in modo che la coda venga svuotata non appena si effettua il collegamento all'Isp. Parimenti è utile definire:

disable dns lookups = yes

in modo da impedire a Postfix di cercare tramite Dns i dati necessari all'invio della posta, dati che non potrebbe trovare se non quando la connessione e attiva. Attenzione: se si è definita la keyword relayhost insieme a disable dns lookups occorre che in relayhost venga inserito un Ip, oppure un hostname contenuto in /etc/hosts, in modo che Postfix sappia dove indirizzare la posta. Postfix ovviamente presenta moltissime possibilità di configurazione, ma queste quattro o cinque righe, unite a quelle che sono le configurazioni standard, sono sufficienti per quasi tutti i casi. Una volta terminata la configurazione se Postfix è in esecuzione occorre ricordarsi di effettuare un reload della stessa, attraverso il comando postfix reload. Se Postfix non è in esecuzione lo si può fare partire con il comando postfix start e verificare attraverso i log che la configurazione sia corretta. Per eventualmente fermare il servizio il comando sarà ovviamente postfix stop.A questo punto si ha un sistema Smtp perfettamente funzionante, in grado di ricevere e spedire mail: ma chi possiede un collegamento dialup riceve mail su un server diverso, tipicamente quello del provider, al quale si accede tramite protocolli quali Pop o Imap: quello che manca quindi è un sistema in grado di connettersi automaticamente ai server di posta sui quali risiedono le caselle, prelevare le mail presenti e smistarle al sistema di posta interno. La soluzione di riferimento in questo momento è sicuramente Fetchmail, un programma divenuto ormai talmente famoso da essere incluso in praticamente in tutte le distribuzioni. Fetchmail permette di effettuare il collegamento a tutte le mailbox che si desiderano, di scaricare le mail tramite protocollo Pop (versione 2 o 3) o Imap e di spedirle attraverso il server Smtp locale agli utenti finali. La configurazione di Fetchmail è semplice e può basarsi su un file comune (tipicamente /etc/fetchmailrc) o su una serie di file presenti nelle home degli utenti (con il nome .fetchmailrc). Il file comune presenta alcuni vantaggi, soprattutto in quanto permette di automatizzare l'intera procedura: le regole contenute nei vari file .fetchmailrc vengono lette solo quando ciascun utente utilizza Fetchmail, mentre quando Fetchmail viene lanciato dall'amministratore di sistema quello che viene solitamente usato è il file di configurazione generico. Il formato del file è semplice. Ciascuna casella viene prefissa dalla parola chiave "poll" o "skip": una casella marcata come "poll" viene controllata in automatico alla partenza di Fetchmail, mentre una casella marcata come "skip" è solo configurata, ma non viene controllata in automatico: occorre specificare esplicitamente il nome della casella sulla linea di comando per fare in modo che i messaggi vengano scaricati. Questo può essere utile per esempio per effettuare i test, oppure quando si vuole che una determinata casella venga controllata solo se esplicitamente richiesto. Per ogni casella vanno poi specificati il server sul quale la casella risiede, il tipo di protocollo, la coppia di username e password necessaria per collegarsi al server e lo username locale al quale inviare la posta. Assumendo quindi che la mail destinata a [email protected] vada scaricata collegandosi mediante protocollo Pop3 al server pop.provider.it con username "utente" e password "test" e quindi consegnata all'utente localuser presente sul proprio server Linux, la riga di configurazione in /etc/fetchmailrc sarà:

poll pop.provider.it protocol POP3 user utente password test is localuser

Una volta terminata la configurazione di tutte le caselle da controllare si potrà lanciare a mano Fetchmail con le opzioni "-a" (controlla tutte le caselle) "-keep" (lascia i messaggi sul server, da tenere per la fase di test) e "-vv" (in modo da controllare se le operazioni vengono effettuate nel modo giusto). Se tutto va bene il passo successivo sarà quello della automatizzazione delle operazioni, facendo in modo che la posta venga controllata durante ciascun collegamento. Per fare questo sarà sufficiente inserire il comando "fetchmail" direttamente nello script /etc/ppp/ip-up, che viene eseguito non appena il collegamento all'Isp è effettivo e funzionante. Se si fanno dei collegamenti lunghi se può essere il caso di controllare la mail più volte durante gli stessi. Per fare questo si possono immaginare più sistemi: per esempio si potrebbe creare uno script che controlli la mail ogni cinque minuti; tale script andrebbe fatto partire in corrispondenza del collegamento all'Isp e dovrebbe rimanere in esecuzione per tutto il tempo in cui si è collegati e non oltre. Occorre quindi pensare a un meccanismo che fermi il processo in corrispondenza della sconnessione: per raggiungere questo risultato è sufficiente registrare Pid (numero di processo) dello script che effettua il controllo della mail ed effettuare un kill dello stesso all'interno del file che viene lanciato una volta effettuata la sconnessione. In pratica lo script di controllo della mail sarà qualcosa del tipo:

#!/bin/sh

# Registra il PID del processo
# (contenuto nella variabile $$)
# in un file

echo $$ > /var/run/chekmail.pid

# Esegui un ciclo infinito
while true
do
    # Ricevi la posta
    fetchmail -a -vv >
/var/log/fetchmail.log
    # Attendi 5 minuti (300 secondi)
    sleep 300
done

A questo punto, supponendo che lo script venga salvato come /usr/local/bin/checkmail (ricordandosi di permettere l'esecuzione dello stesso con un opportuno chmod 755), nel file il /etc/ppp/ip-up andrà inserita la riga:

/usr/local/bin/checkmail &

Parimenti, nel file /etc/ppp/ip-down andrà inserita una riga del tipo

kill -9 'cat /var/run/checkmail.pid'

che provvederà a fare terminare il processo in esecuzione. Quello che si ha a questo punto è un sistema di posta perfettamente funzionante, in grado di ricevere e spedire mail in maniera trasparente ed efficiente. Un ulteriore perfezionamento può essere l'aggiunta di meccanismi di delivery locale intelligenti, in grado di effettuare operazioni di filtraggio delle mail.

Fonte: bladexperience.com

   

Home Page